Translator
Translator

Festività in Kenya


 

Public holidays in Kenya 2017

 

Date

Weekday

Holiday Name

Holiday Type

 
 

Jan 1

Sunday

New Year's Day

Public holiday

 

Jan 2

Monday

New Year's Day observed

Public holiday

 

Mar 20

Monday

March equinox

Season

 

Apr 14

Friday

Good Friday

Public holiday

 

Apr 16

Sunday

Easter Sunday

Observance

 

Apr 17

Monday

Easter Monday

Public holiday

 

May 1

Monday

Labour Day/May Day

Public holiday

 

May 14

Sunday

Mother's Day

Observance

 

Jun 1

Thursday

Madaraka Day

Public holiday

 

Jun 21

Wednesday

June Solstice

Season

 

Jun 27

Tuesday

Eid al-Fitr

Public holiday

 

Sep 2

Saturday

Eid al-Adha

Public holiday

 

Sep 22

Friday

September equinox

Season

 

Oct 20

Friday

Mashujaa Day

Public holiday

 

Dec 12

Tuesday

Jamhuri Day

Public holiday

 

Dec 21

Thursday

December Solstice

Season

 

Dec 24

Sunday

Christmas Eve

Observance

 

Dec 25

Monday

Christmas Day

Public holiday

 

Dec 26

Tuesday

Boxing Day

Public holiday

 

Dec 31

Sunday

New Year's Eve

Observance

 

La festa musulmana di Eid al Fitr celebra la fine del Ramadan. La data varia ogni anno a seconda l'avvistamento di una nuova luna alla Mecca.

Le date per la festa cristiana della Pasqua variano di anno in anno.


Jamhuri Day, che significa "Festa della Repubblica", è una festa nazionale del Kenya che ricorre ogni 12 dicembre e commemora l'istituzione del Kenya come una repubblica nel 1964, mentre l'indipendenza dal Regno Unito è avvenuta un anno prima, il 12 dicembre 1963.

Jamhuri Day è considerato da molti come la festa più importante del calendario del Kenya, ed è celebrato con una grande enfasi sulla cultura e la storia del Kenya. Ci sono discorsi, parate, feste, canti e balli tradizionali, alzate cerimoniali della bandiera del Kenya, e molte altre attività che si verificano in questo giorno. Inoltre, poiché è solo un paio di settimane prima di Natale, Jamhuri Day in Kenya segna l'inizio della stagione dello shopping natalizio.

Il Kenya è stata la casa di vari popoli africani per molti secoli prima della colonizzazione, ma i primi coloni erano tedeschi, seguiti da coloni inglesi nel 1890. Nel 1920, il Kenya era diventata una colonia ufficiale dell'Impero Britannico. Presto, ci furono controversie tra kenioti e colonialisti britannici per i diritti sulla terra, le tradizioni culturali, la partecipazione politica, e le politiche economiche. Ciò ha portato alla ribellione Mau Mau del 1952, che ha gettato il Kenya in uno stato di agitazione per un decennio. A poco a poco, le concessioni sono state fatte, ma Dedan Kimathi, il leader della rivolta, è stato impiccato. Le elezioni si sono tenute nel 1957 e Jomo Kenyatta è diventato il primo capo eletto del governo del Kenya coloniale. Poi, come detto in precedenza, il Kenya divenne indipendente dalla Gran Bretagna il 12 dicembre 1963, e una repubblica a tutti gli effetti il 12 dicembre, 1964. Jomo Kenyatta divenne poi il primo presidente, e il Kenya si è unito al Commonwealth britannico delle Nazioni.

Siccome i kenioti tendono ad avere forti legami familiari, la maggior parte di loro ritornano a casa per banchettare con le loro famiglie durante il Jamhuri Day. Alcuni dei piatti che in genere gustano comprendono: Somosa, che può essere fritta o al forno e essere riempita con carne macinata, patate piccanti, piselli, lenticchie, pasta o altri alimenti salati; Stufati, fatti di cavolo, mais e pomodori; vari arrosti; Irio, piselli schiacciati mescolati con purè di patate; Githeri, che è un mix di fagioli e mais; Ugali, polenta bianca di farina di mais spesso mangiata con verdure e stufati; due piatti di riso: Pilao, aromatizzato con cannella, chiodi di garofano, cumino, e altre spezie, e Biryani, che si mangia per lo più sulla costa del Kenya; e, infine, stufati di carne di capra, pollo, o manzo, con  una base di zuppa di pomodoro piccante e verdure come carote, patate, piselli e peperoni.

Se siete in Kenya per il Jamhuri Day, oltre a voler gustare l'autentica cucina del Kenya, potreste desiderare di prendere parte ad attività di festa come le seguenti:

• Essere nella capitale Nairobi per assistere al discorso presidenziale nel Jamhuri Day, oppure sentirlo in TV o alla radio. presenziare anche alla sfilata in Nairobi o in una delle varie province del Kenya. 

• A Nairobi, si svolge la annuale manifestazione aerea del Kenya Navy. Ci saranno anche i fuochi d'artificio.

• Una nuova tradizione in Kenya è quella di praticare il bungeejumping (salto con elastico) durante il Jamhuri Day. Un modo, questo di festeggiare, che sembra essere un simbolo di libertà, ed è in gran parte fatto da uomini che saltano dai ponti. Si può essere o non essere d'accordo circa la pratica questo tipo di sport, ma è possibile guardare chi vi partecipa, se volete vedere attività audaci ed emozionanti.

Ogni Jamhuri Day, i kenioti di tutti i gruppi ed etnie si uniscono intorno all'idea di indipendenza nazionale e di una forma di governo repubblicana. C'è tanto cibo ed attività, e tutti coloro che visitano il Kenya in questo periodo dell'anno, lo troveranno un giorno davvero memorabile.

 

Christmas Day

 

Boxing Day è una festività del Regno Unito, Canada, Nuova Zelanda, Australia, Guatemala e, in generale, tutti i Paesi che fanno parte del Commonwealth delle Nazioni che hanno popolazione di religione prevalentemente cristiana. È basata sul regalare doni ai membri meno fortunati della società. L'origine del Boxing Day risale ai tempi in cui era usuale regalare doni ai dipendenti o ai membri delle classi sociali più povere.

Il giorno è in relazione con la ricorrenza di santo Stefano, festività celebrata in molti paesi europei, e cade il 26 dicembre, mentre per Chiesa cristiana ortodossa - ad eccezione della Grecia, che lo festeggia sempre il 26 - è il 27 dicembre.

 

New Years Day

 

Madaraka Day si commemora il 1 giugno, il giorno in cui il Kenya ha raggiunto l'autogoverno interno nel 1963, che precede la piena indipendenza dal Regno Unito del 12 dicembre 1963.

 

Mashujaa Day si celebra in Kenya ogni 20 ottobre.

È noto anche come "Heroes Day", come la parola Swahili "mashujaa" significa "eroi". In origine era chiamato "Kenyatta Day" in onore del primo presidente del Kenya, Jomo Kenyatta, ma il nome è stato cambiato dopo la costituzione 2010 nel tentativo di espandere il significato del giorno non solo onorando coloro che hanno partecipato al movimento per l'indipendenza dalla Gran Bretagna, ma anche tutti gli eroi del Kenya.

Se il 20 ottobre cade in un fine settimana, Mashujaa Day viene spostato al seguente Lunedì così i lavoratori ottengono un giorno di riposo.

La giornata ha come sfondo l'arresto di Jomo Kenyatta e di altri cinque leader del movimento di indipendenza dal governo coloniale britannico il 20 ottobre 1952. Essi furono accusati di appartenere alla rivoluzionaria Società Mau Mau e sono affettuosamente ricordati come "Kapenguria Six", che evoca il centro detenzione dove sono stati reclusi. Il loro arresto è stato considerato un momento così importante nella lotta per la libertà dal dominio straniero, che il 20 ottobre è diventata una festa nazionale.

Mashujaa Day è tipicamente celebrata con un evento al Nyayo Stadium di Nairobi. Una parata militare ha luogo con le truppe che indossano uniformi colorate che ricordano il rosso, nero e verde della bandiera del Kenya.

Oltre alla partecipazione ai festeggiamenti ufficiali a Nairobi, vi elenco altre quattro cose da fare in Kenya durante il Mashujaa Day:

• Visitare il monumento (statua) del "Padre della nazione keniota" Jomo Kenyatta. Si trova nel centro di Nairobi al centro della Conferenza Internazionale del Kenya. 

• Fermatevi a Uhuru Park nel CBD di Nairobi. Sullo sfondo, si possono vedere i grattacieli. Nel centro del parco c'è un piccolo lago artificiale dove si può andare in barca. Il parco è anche un centro di skateboarding locale nei fine settimana, quindi se vi piace fare o guardare questo sport, qui è il posto dove stare. Infine, diversi monumenti importanti  si trovano a Uhuru Park, tra cui il Monumento Nazionale, che dispone di quattro figure che sollevano una grande bandiera del Kenya, e il Monumento Nyayo, che onora il molto controverso presidente Moi, che governò dal 1978 al 2002.

• Nairobi National Park Tour, che si trova a quattro miglia a sud della città. Una recinzione elettrificata segna il confine tra la grande città ed il santuario della fauna selvatica. Questa è una piccola riserva naturale, per gli standard del Kenya, ma la sua vicinanza a Nairobi la rende altamente accessibile. All'interno, potrete trovare ogni sorta di animali migratori africani, oltre all'impressionante popolazione di rinoceronti.

• Uscire da Nairobi e visitare il lago Nakuru nel lontano nord al confine con l'Uganda. Si tratta di un lago che si trova ad alta quota nel mezzo della valle del Rift Valley africana. È circondato da parchi che lo proteggono dallo sviluppo. Ci sono molti animali da vedere tra facoceri selvatici, babbuini, rinoceronti bianchi e neri, e un grande magazzino di avifauna. Tuttavia la vista più distintiva e colorata del Lago Nakuru è la grande quantità di fenicotteri rosa che vanno a caccia di pesci nelle acque basse e fangose del lago. Gli eroi del Kenya hanno combattuto per proteggere sia la sua gente e l'ambiente naturale in modo che il Kenya potesse prosperare in futuro come una nazione africana indipendente.

Assistere alle celebrazioni ufficiali del Mashujaa Day a Nairobi, visitare monumenti importanti, ed  alcune famose zone della fauna selvatica,  sono le cose da fare in Kenya il 20 ottobre.

 

Mother's Day (festa della mamma) è una celebrazione in onore della madre della famiglia, così come la maternità e l'influenza delle madri nella società. Si celebra in molte parti del mondo, più comunemente nei mesi di marzo o maggio. Essa integra le celebrazioni in onore dei membri della famiglia, come ad esempio la festa del papà e fratelli Day.

 

May Day / Labor Day (festa del lavoro) è un giorno festivo in molti paesi del mondo. Di solito si verifica il 1 maggio, ma la data varia da paese a paese. Esso è associato all'inizio della primavera e alla festa dei lavoratori.

 

Eid al-Adha (ossia "festa del sacrificio" o "festa dello sgozzamento" o "festa dell'offerta [a Dio]", è la festa islamica celebrata ogni anno nel mese lunare di Dhū.

La parola adha richiama il significato di "sacrificare", e si ricollega al ricordo delle prove che sarebbero state superate dal profeta Abramo/Ibrāhīm e dalla sua famiglia, formata nel caso specifico da Hāgar e dal loro figlio Ismaele/Ismāʿīl.

Il sacrificio rituale che si pratica nel corso della festività ricorda il sacrificio sostitutivo effettuato con un montone da Abramo, del tutto obbediente al disposto divino di sacrificare il figlio Ismaele a Dio prima di venire fermato dall'angelo. È quindi per eccellenza la festa della fede e della totale e indiscussa sottomissione a Dio.

In teoria, nel giorno della Eid al-Adha, i musulmani sacrificano come Abramo un animale che, secondo la sharīʿa, deve essere fisicamente integro e adulto e può essere soltanto un ovino, un caprino, un bovino o un camelide; negli ultimi due casi è possibile sacrificare un animale per conto di più persone, fino a sette. L'animale viene ucciso mediante sgozzamento, con la recisione della giugulare che permetta al sangue di defluire, visto che per la legislazione biblica e coranica il sangue è impuro ed è quindi proibito mangiarne. La cerimonia dello sgozzamento avviene il giorno 10 o nei tre giorni seguenti, nel periodo di tempo compreso fra la fine della preghiera del mattino e l'inizio della preghiera del pomeriggio. Viene sgozzato da un uomo, che deve essere in stato di purità legale, pronunciando un takbīr, ovvero la formula: «Nel nome di Dio! Dio è il più grande».

La carne viene divisa preferibilmente in tre parti uguali, una delle quali va consumata subito tra i familiari, mentre la seconda va conservata e consumata in seguito e la terza viene destinata ai poveri della comunità, che non hanno i mezzi economici per acquistarla.

 

Eid al-Fiṭr costituisce la seconda festività religiosa più importante della cultura islamica. Viene celebrata alla fine del mese lunare di digiuno di ramadān  come segno di gioia per la fine di un lungo periodo penitenziale. Letteralmente il significato dell'espressione araba è "festa della interruzione [del digiuno]".

Date di ricorrenza; • 5 luglio 2016 • 25 giugno 2017 • 15 giugno 2018 • 4 giugno 2019.

 

Good Friday (Venerdì Santo) è una festa cristiana che commemora la crocifissione di Gesù Cristo e la sua morte sul Calvario. Viene osservato durante la Settimana Santa come parte del Triduo pasquale il Venerdì che precede la Domenica di Pasqua, e può coincidere con l'osservanza ebraica della Pasqua. È noto anche come il Venerdì Santo, Grande Venerdì o Venerdì nero, 

La data della ricorrenza sul calendario gregoriano varia da un anno all'altro, e non vi è disaccordo circa il suo calcolo. Si tratta di un ampliamento festivo istituito in molti governi nazionali di tutto il mondo, tra cui nella maggior parte dei paesi occidentali (in particolare tra nazioni anglicane e cattoliche), così come in 12 stati degli Stati Uniti. Alcuni paesi, come la Germania, hanno leggi che vietano determinati atti, come la danza e corse di cavalli, che sono visti come profanazione della natura solenne della giornata.

 

Easter Sunday, detta anche Domenica di Pasqua o Domenica della Resurrezione, è una festa che celebra la risurrezione di Gesù dai morti, descritto nel Nuovo Testamento come avvenuta il terzo giorno dalla sua sepoltura, dopo la sua crocifissione da parte dei Romani al Calvario c. 30 dC. È il culmine della Passione di Gesù, preceduto dalla Quaresima (o Grande Quaresima), un periodo di quaranta giorni di digiuno, preghiera e penitenza.

La settimana prima di Pasqua è chiamata la Settimana Santa, e contiene i giorni del triduo pasquale, tra Giovedì Santo, che commemora il Santo e Ultima Cena, nonché del Venerdì Santo, che commemora la crocifissione e la morte di Gesù. Nel cristianesimo occidentale il tempo pasquale inizia la Domenica di Pasqua, dura sette settimane e termina con la venuta del cinquantesimo giorno, la Domenica di Pentecoste. In Ortodossia, la stagione di Pasqua comincia e termina con la venuta del quarantesimo giorno, la festa dell'Ascensione.

 

Easter Monday (Lunedì di Pasqua) è il giorno dopo la Domenica di Pasqua ed è una festa in alcuni paesi. Il Lunedì di Pasqua nel calendario liturgico cristiano occidentale è il secondo giorno pasquale.