Translator
Translator

Lago Bogoria


Lago Bogoria
Lago Bogoria
Lago Bogoria
Lago Bogoria

 

Lago Bogoria  

Il Lago Bogoria è una superficie di acqua salina situata nella regione settentrionale della Rift Valley keniota ai piedi dell'alta parete orientale (600 m) del Laikipia Escarpment, 25 km a sud del lago Baringo.
La riserva di km² istituita nel 1973, dal 2000 è una delle zone umide inserite nella Convenzione di Ramsar che comprende il lago e le terre adiacenti.
Durante la colonizzazione il lago era conosciuto con il nome del suo scopritore, il Vescovo di Kampala James Hannington, che nel 1885 fu il primo europeo a vedere questo posto mentre si stava dirigendo verso la sua diocesi seguendo l'itinerario di Joseph Thomson. Questo sarebbe stato un giorno di gloria per il sacerdote, ma anche il suo ultimo viaggio, dal momento che una volta raggiunto il Lago Vittoria è stato assassinato per ordine del crudele re di Buganda (*), Mwanga II.

Se il lago Baringo sempre più attrae più visitatori a causa della sua abbondante avifauna, il Bogoria è, o almeno lo era fino a pochi anni fa, un luogo dove il visitatore può godere lo spettacolare scenario africano in piena solitudine. Infatti, fatta eccezione per gli amanti di ornitologia, che non perdono il pellegrinaggio al Baringo, questa regione è del tutto fuori dagli itinerari più comuni. Il motivo è che il Bogoria è ben lungi dall'essere un luogo eccezionale per i mammiferi appartenenti alla fauna selvatica, l'obiettivo primordiale per la maggior parte dei turisti.
Eppure, lo scenario sul lago Bogoria lo rende uno dei luoghi più spettacolari di tutto il Kenya. JW Gregory, il geologo inglese che ha viaggiato nella regione nel 1892, ha benedetto il sito come "la più bella vista in Africa". Egli non diede un giudizio avventato. Il lago mostra il superbo scenario delle colline bluastre, praterie e foreste fluviali che incorniciano le poco profonde e calme. In primo piano i geyser, il rosa dei fenicotteri sul lago, e più lontano il suggestivo sfondo della scarpata Laikipia, tutto il Bogoria trasmette uno scenario impareggiabile.
Il lago, circondato da una fascia di arida boscaglia ed acacie, è alimentato da due fiumi e da almeno 200 sorgenti calde distribuite in tre zone principali. L'acqua è altamente salina e alcalina, anche a causa della rapida evaporazione e della mancanza di sbocchi. Per questo motivo non possono viverci né pesci, né coccodrilli, né ippopotami. Prospera invece un tipo di alga che attira stormi di fenicotteri. I laghi di Nakuru e Bogoria si contendono la popolazione dei volatili rosa, che a seconda del livello delle acque e della salute delle faune di crostacei prediligono l'una o l'altra alternativa.
È presente anche l'aquila pescatrice, che, in mancanza di pesce, ha sviluppato l'insolita abitudine di cibarsi di fenicotteri e altri grandi trampolieri.
Tuttavia, il Bogoria non è solo fenicotteri. Tra i vari mammiferi che si trovano qui, gli appassionati della fauna selvatica potranno apprezzare il valore incomparabile di essere nel luogo più accessibile di tutto il paese in cui si ha la possibilità di vedere il kudu maggiore.

Tutelato dalla riserva è un gruppo di 18 geyser, la maggior concentrazione di tale fenomeno in tutta l'Africa. I tre principali si trovano nella località denominata Loburu Hot Springs, sulla riva occidentale, dove nuvole di vapore sulfureo formano una serie di pozze irregolari e rigagnoli dalle mille sfumature, che vanno a scaricarsi nel lago. L'acqua è talmente calda che è consuetudine, anche se vietato, cuocere le uova immergendole con un bastone in un sacchetto...
I bordi di pozze e ruscelli sono estremamente instabili e le acque bollenti hanno già causato delle vittime: la terra crolla sotto i piedi e si finisce in acqua.
Ci sono aree adiacenti dove poter fare picnic. Il posto è molto frequentato dai locali nel weekend e da scolaresche in gita didattica. Per il pernottamento il posto migliore è sicuramente l'esclusivo Lake Bogoria Hotel.

(*) Il Buganda è un regno composto dai 52 clan dell'etnia africana Baganda; è il più grande dei quattro regni tradizionali rimasti nell'Uganda moderno. Il sovrano del Buganda è chiamato Kabaka. Il regno è delimitato a sud dal lago Vittoria, a est dal fiume Nilo Vittoria, e a nord dal lago Kyoga. Sia l'antica capitale del paese (Entebbe) sia quella attuale (Kampala) si trovano nel Buganda.

I tre milioni di Baganda (singolare Maganda, spesso indicati anche con la parola principale Ganda) costituiscono il più grande gruppo etnico dell'Uganda (circa il 17% della popolazione totale del paese).
Lo stesso nome "Uganda" (scelto per il paese quando questo divenne un protettorato britannico nel 1894) è la versione swahili di "Buganda". La lingua dei Baganda, il Luganda, è la principale seconda lingua dell'Uganda insieme all'inglese; viene insegnato in diverse scuole, inclusa l'Università di Makerere.

Lago Bogoria
Lago Bogoria
Lago Bogoria
Lago Bogoria