Translator
Translator

Lamu Island


Lamu
Lamu
Shela Beach - Lamu Island
Shela Beach - Lamu Island

 

Lamu Island - Arcipelago di Lamu

 

È una realtà unica ed affascinante l'Isola di Lamu, situata a nord del Kenya, che è riuscita a sfuggire agli sconvolgimenti che hanno caratterizzato il Novecento e per questo ha saputo mantenere intatti stile di vita, cultura ed architettura.

L'isola ha una lunghezza di 12 km e 7 km in larghezza ed, unitamente ad altre, fa parte dell'omonimo arcipelago tra cui l'isola Manda, dove si trova anche l'aeroporto nazionale, e le isole di Pate e Kiwayu.

 

Anche se negli anni novanta ha conosciuto una certa notorietà è stata in grado di mantenere intatte le sue suggestioni antiche, tanto che oggi è un'isola tutta da scoprire, ricca di litorali e baie da sogno.

 

Si può raggiungere solo con l'uso di barche: qui non sono ammessi altri mezzi di trasporto se non asini e biciclette, ulteriore caratteristica che aiuta a mantenere intatto il fascino antico di un luogo dichiarato non a caso Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall'Unesco. L'isola, abitata già nel XIV secolo, venne conquistata prima dai navigatori portoghesi, poi dagli arabi, in seguito fu al centro di un vivace scambio commerciale con l'Oman. È la ricchezza architettonica che non ti aspetti e che conferisce all'isola il suo tocco unico a renderla famosa. La cultura Swahili è ancora radicata sia negli usi e costumi che nei preziosi resti e rovine della parte medievale. Capitale dell'isola è la città di Lamu, la più antica di tutto il Kenya e uno dei primi insediamenti swahili sulla costa orientale dell'Africa: vi si arriva solo tramite motolance, ma vale la pena per ammirare il suo aspetto che è rimasto immutato nei secoli.

 

Lamu è una fantastica cittadina piena di meraviglie, ammantata da un'atmosfera medievale.
Gli anni di Lamu come un protettorato dell'Oman furono contrassegnati dal periodo d'oro dell'isola, in cui è diventata un centro di poesia, politica e mestieri. L'arcipelago ha prosperato sul mercato dell’avorio, mangrovie, oro, ceramica e sul traffico di esseri umani, che successivamente è diminuito dopo il controllo britannico della regione che ha imposto la chiusura dei mercati di schiavi.

Popolata da poco più di 30.000 abitanti, quasi esclusivamente da musulmani, non ha cambiato di molto l'aspetto e il carattere nel corso dei secoli. In passato florida cittadina portuale, oggi Lamu è un centro fuori mano e autosufficiente, estremamente tranquillo e rilassante. Ci si sente trasportati indietro nel tempo di ben 50 anni.

Nessun'altra città swahili, ad eccezione di Zanzibar, è in grado di offrire tanta ricchezza culturale e un tradizionale stile architettonico ancora intatto (antenne televisive a parte).
Potrete avere un eccellente panorama della cultura e della storia della città visitando il Lamu Museum, sul lungomare.
Se il museo riuscirà a stuzzicare la vostra curiosità sulla cultura swahili, allora non mancate di ammirare l'edificio, splendidamente restaurato, che ospita lo Swahili House Museum.
Una delle più bizzarre attrazioni di Lamu è il Donkey Sanctuary. È vivamente consigliabile fare un giro in dhow, le tipiche imbarcazioni a vela.


Lamu è raggiungibile con imbarcazioni diesel in partenza da Mokowe, sulla terraferma; in alternativa potete prendere un volo che atterra nella vicina isola di Manda.

Ci sono anche escursioni dirette sull'isola organizzate da Malindi, oppure per raggiungere Lamu ci si può avventurare sulla strada che da Malindi conduce a Garsen: da qui si prosegue per Hindi e Mokowe da dove ci si imbarca per Lamu. Oltre all’antica Lamu altre località da visitare sono l'isola di Kiwayu e il villaggio di Matandoni, dove ancora costruiscono i tradizionali dhow.

 

A livello paesaggistico l'isola di Lamu si presenta con dune ondulate e spiagge sconfinate, un mare che invita alle immersioni e allo snorkeling grazie alle acque cristalline e alla ricca fauna marina. Lo snorkeling nel reef di Kinyika, un'isola a sud-ovest di Lamu vicina a Ras Biongwe, Ras Mtio e Dongo Kundu, è sicuramente un'esperienza sensoriale indimenticabile; si raggiunge la destinazione grazie al caratteristico dhow per poi tuffarsi e giocare con le innumerevoli specie marine presenti e, per i più fortunati, nuotare con i delfini.

Ripresa aerea di Peponi Hotel a Shela, Lamu Island. Kenya
Ripresa aerea di Peponi Hotel a Shela, Lamu Island. Kenya

 

Il villaggio di Shela

Le coste meridionali dell’isola di Lamu hanno le migliori spiagge, che iniziano appena a sud del villaggio di Shela, 12 km di sabbia bianca quasi deserta addossata a dune di sabbia. Poiché non vi è alcuna barriera corallina il mare acquista forza. Qui si può passeggiare per miglia lungo la costa disseminata di “conchiglie viola del pensiero”, altrimenti note come “Dollari di Sabbia”, accompagnati da onde spumeggianti e dalla brezza del mare.

Shela è probabilmente il posto più rilassante e seducente dell’isola. Ad un miglio o due a sud della città di Lamu, dove il canale incontra l'oceano, Shela ha un'atmosfera indisturbata tutta sua. Solo una generazione fa Shela veniva descritta come una sorta di città fantasma, ma negli ultimi dieci anni molte delle case storiche swahili del villaggio sono state completamente rinnovate.
Al di là dell’affascinante Peponi Hotel, centro della vita sociale di Shela, la spiaggia si estende a perdita d’occhio, miglia e miglia di sabbia bianca e magnifiche dune di fronte all'Oceano Indiano. La maggior parte dei visitatori di Shela sono cullati da un senso di felice indolenza, contenti di passeggiare lungo la spiaggia, navigare in una delle boutique del villaggio, sorseggiare un cocktail o due a Peponi, o semplicemente sdraiarsi sotto un tetto ombreggiato con un libro a godersi i ritmi della giornata. Per i più attivi c’è la disponibilità di fare pesca d'altura, immersioni subacquee, windsurf e sci d'acqua.
Shela ha un mercato immobiliare fiorente e molte delle bellissime case private nel villaggio sono disponibili in affitto. Turisti che volevano rimanere un paio di giorni, sono rimasti alla fine parecchie settimane perché entusiasti di questo paradiso tropicale non (ancora) alla conoscenza di tutti e dove le spese di soggiorno, compreso l'alloggio, sono ad un prezzo quasi imbattibile!
Per la vita quotidiana esistono tanti piccoli negozi, nei piccoli ristoranti si possono ordinare pesce fresco, riso, pollo e carne di capra a prezzi veramente a buon mercato. Da bere offrono oltre alle solite bibite analcoliche anche spremute di frutta fresca ed in alcuni casi anche birra.
Siccome la maggior parte delle persone che vivono qui sono musulmani è bene rispettare la loro cultura: le signore non devono camminare in città in minigonne o pantaloncini corti. Sulla spiaggia o durante una gita in barca è possibile indossare un bikini.

Villaggio di Shela - Isola di Lamu
Villaggio di Shela - Isola di Lamu
Avvicinandosi al Forte, magico e meraviglioso!
Avvicinandosi al Forte, magico e meraviglioso!
Il Forte. Shela beach Lamu Island, Kenya.
Il Forte. Shela beach Lamu Island, Kenya.

 

Il Forte

Nella foto accanto, una vista del canale che separa l'isola di Lamu dall'isola di Manda sulle dune di Shela in Kenya, il 12 settembre 2009.
Situato lungo le dune di sabbia di Shela Beach, Il Forte è stato accolto come un monumento all'ingegno architettonico dell'Oman. Costruito nel 2001, il punto di riferimento Isola di Lamu è l'epitome di privacy e isolamento.

La sua architettura è davvero unica e occupa una posizione impareggiabile con affaccio sull'Oceano Indiano nella deserta spiaggia di 14 km a Shela.
Sereno e tranquillo nella sua impostazione e circondato da dune naturali, Il Forte è un santuario elegante ed esclusivo che vanta un ambiente combinato con una ospitalità personalizzata. Estremamente privato e sicuro, questa oasi dista solo dieci minuti a piedi lungo la spiaggia dal villaggio di Shela.

Il forte è costruito con pietra corallina locale ed è circondato da un imponente muro di arenaria alto 50 piedi. L'ingresso in legno pesante di Omani-stile, decorato con borchie di ferro, si apre sul piano principale della proprietà, dove grandi arcate circondano il cortile centrale. La zona living, zona pranzo e salotto si affacciano sulla pittoresca piscina e giardino. Dal piano superiore, formale sala da pranzo, gli ospiti possono gustare una vista spettacolare dell'Oceano Indiano con i tradizionali dhow e una spiaggia dove “navigano” asini e cammelli.
Guardando l'incontaminata spiaggia di Shela sembra che il tempo qui si sia fermato. Il forte è dotato di uno staff completo che si prenderà cura di tutte le vostre esigenze e desideri.

Il Forte è stato il sogno del compianto Dr. Antonio Ferro, un aristocratico italiano, un uomo di grande visione, onore e forza. Originariamente costruito per accogliere amici e parenti, Gabriella Ferro ha mantenuto il suo sogno vivo e ora accoglie gli ospiti nella sua casa esclusiva. La loro storia d'amore ha avuto inizio nel 2002, quando Gabriella era in visita durante una vacanza mentre Antonio, dopo aver passato decenni in tutto il continente africano, aveva alla fine optato per Lamu, la "sua" perla nell'Oceano Indiano. Dopo il trasferimento a Lamu, la storia d'amore di Gabriella e Antonio e il loro sogno di vivere nel forte insieme continuarono.
La padrona di casa Gabriella parla inglese, tedesco, greco, oltre che in italiano ed è a disposizione per garantire ogni vostra esigenza per tutto il soggiorno.