Translator
Translator

Laghi del Kenya


Flamingos flying at lake Nakuru
Flamingos flying at lake Nakuru
Il Kenya è uno dei più ricchi paesi africani in termini di natura e biodiversità con le sue savane infinite, le sue foreste equatoriali, i suoi vulcani spenti, i suoi laghi d'acqua dolce e salata, i suoi deserti, i suoi ghiacciai e le sue grotte.

I laghi del Kenya sono tra i più belli e i più grandi del mondo.

Ognuno dei diversi laghi del Kenya ha caratteristiche particolari: alcuni sono un paradiso per gli appassionati di birdwatching, altri ospitano paesaggi straordinari di sorgenti calde e geyser, altri hanno isole meravigliose, alcuni sono condivisi dal Kenya con i paesi confinanti, e alcuni hanno un’origine davvero interessante. Ciò che li accomuna è una bellezza davvero superba.

Il Kenya è caratterizzato da paesaggi molto diversi tra loro e senza dubbio quello che è possibile osservare nella Rift Valley, la profonda cicatrice che solca il bordo orientale dell'Africa, soddisfa anche i viaggiatori più esigenti, poiché offre un paesaggio costituito da una fossa tettonica molto estesa che si è creata 35 milioni di anni fa.

La Rift Valley della sezione keniota si estende a nord di Nairobi, e costituisce un interessante itinerario che si snoda tra i panorami più belli dell'Africa. La spaccatura della crosta terrestre è costellata di laghi, vulcani, fiumi e montagne che si susseguono in un percorso di oltre 500 km.

In questa zona si estendono importantissimi laghi africani come il lago Turkana, il lago Naivasha, il lago Magadi e i laghi Elmenteita, Baringo, Bogoria e Nakuru, oltre al lago Vittoria che non è direttamente parte del sistema della Rift Valley, anche se in realtà è posizionato tra i rami orientale e occidentale della stessa.

Per chi decidesse di effettuare un tour in questa zona è chiaro che lo splendido itinerario sarà costellato da numerosi laghi, vulcani e fiume con un percorso di 500 km. È consigliato addentrarsi in questo percorso durante le stagioni più secche per far sì che il percorso sia piacevole.
Per trascorrere una piacevole escursione la cosa più adatta è quella di alloggiare nei così detti "Lodge" o nei campi tendati sorvegliati, in modo da poter usufruire di qualche confort, ma sotto lo stretto controllo dei ranger, che anche durante la notte circondano i perimetri abitati.
La Rift Valley keniota è una zona incantevole, e durante le proprie vacanze in Kenya è veramente consigliata per godere appieno dei paesaggi "africani".

Lago Vittoria: situato su un altopiano tra i rami orientale e occidentale della Rift Valley, è uno dei più grandi laghi di tutto il continente africano. Prende il nome della Regina Vittoria e la sua superficie misura 68.870 kmq, per questo è stato eletto il più grande lago tropicale a livello mondiale. L’immissario principale del lago è il fiume Kagera, il quale sfocia sulla sponda posta ad ovest. Un solo emissario è presente e trattasi del Nilo Bianco che inizia il corso d’acqua in Uganda, sponda posta a nord del Lago Vittoria. Al suo interno, sono presenti oltre 3.000 isole, molte di loro non sono abitate, ma alcune sono diventate una destinazione turistica.

Lago Nakuru: il suo nome è di origine Masai e significa “polvere” o “posto polveroso”. Il lago è posto all’interno del Parco Nazionale del lago Nakuru, nel meridione della regione, con una altitudine di 1754 m. sul livello del mare. Anche esso fa parte della Rift Valley e la sua grande quantità di alghe richiama fenicotteri rosa che regalano uno spettacolo unico, soprattutto ai turisti, all’ordine del giorno. Non mancano però babbuini e facoceri, o rinoceronti neri e bianchi.

Lago Naivasha: situato nella parte nord-ovest della città di Nairobi, è un lago d’acqua dolce e il suo nome deriva dalla parola "Nai’posha" che significa “acque agitate” per via di brusche tormente che si abbattono sulla zona. La sua superficie misura 139 kmq ed è circondato da una palude di 65 kmq. Il lago è incrementato dai fiumi Malewa e Gilgil, oltre che da alcuni di passaggio. Non sono visibili sbocchi, quindi si presume che vi sia uno scorrimento sotto terra.

Lago Turkana: situato nel nord-ovest del Kenya, misura 6.405 kmq di superficie e viene chiamato anche Lago Rodolfo, in onore del principe astro-ungarico. Il nome gli fu dato dai pionieri che furono i primi europei ad arrivare alle sponde nel 1888. Trattasi di Samuel Teleki e Ludwig von Honel. Nel 1975 gli è stato ridato il nome Turkana, preso dal gruppo etnico abitante.

Lago Baringo: esso è popolato da abitanti chiamati Njemps. Loro sono l’unico popolo di pastori che pescano a bordo di canoe fatte di papiro, in mezzo a branchi di coccodrilli e ippopotami.

Lago Bogoria: lungo le sue coste abitano 60.000 pastori chiamati Endorois (Pokot), che attualmente hanno cominciato a ribellarsi contro il governo, a causa della perdita dei loro pascoli e per l’esclusione totale della loro società dai ricavi delle vendite dei rubini e altri prodotti preziosi, conseguiti grazie al loro territorio. Inoltre, sulle sue rive il lago Bogoria ospita animali splendidi come i fenicotteri, aironi, pellicani e altre moltissime specie di volatili e animali selvatici.

Lago Elmentaita: zona secca e polverosa, specie nel periodo tra gennaio e marzo, il lago è posto tra il lago Naivasha e il lago Nakuru e la strada posta al fianco, fa godere un ottimo spettacolo ai turisti viaggianti nelle proprie auto. Nella parte a sud, si possono trovare sorgenti di acqua calda chiamate “Kekopey” dove si può fare il bagno senza restrizioni, anzi la leggenda narra che così, si possa curare l’AIDS. Il lago ospita aironi e pellicani, soprattutto nelle sue zone di pesca.

Lago Magadi: situato nella Rift Valley e nella terra dei Masai, a sud del Kenya, è abitato principalmente dai fenicotteri rosa. La sua particolarità è il fatto che le circostanti colline vulcaniche che rilasciano bicarbonato di sodio, lo fanno apparire ricoperto di soda cristallizzata.

Lago Jipe: si trova al confine tra il Kenya e la Tanzania, non fa parte del sistema della Rift Valley. La sponda settentrionale del lago è protetta dal Parco Nazionale Tsavo Ovest, mentre il lato della Tanzania è vicino al Game Reserve Mkomazi. Il lago è noto per le sue specie endemiche di pesce, così come gli uccelli acquatici, mammiferi, piante delle zone umide e le paludi a bordo del lago che si estendono fino a 2 km dalle sue sponde.
Vi è un forte contrasto tra la costa sud-occidentale del lago, dove le montagne Pare a nord, con le cime di Ugweno, raggiungono i 1.800 e 2.000 metri sul livello del mare, e il lato orientale del lago, completamente piatto nel territorio appartenente al Kenia, con la terra rossa tipica della pianura keniota.
Dal lago si può vedere la vetta Kibo del monte Kilimanjaro.

Pur non appartenenti al Kenya, prendono direttamente parte del sistema della Rift Valley il lago Tanganica, il lago Natron e il lago Malawi.

Il Lago Tanganica è il più grande dell’Africa orientale anche se la Tanzania e la repubblica del Congo vantano la territorialità del lago. Profondo 1470 metri ed esteso per più di 600 km è situato all'interno di in una delle grandi fosse della Rift Valley, le cui pareti montagnose ne costituiscono i confini.
Scoperto nel 1858 durante una spedizione per la scoperta del Nilo, il lago ospita circa 300 specie di pesci da cui deriva una notevole risorsa economica; le specie che ospitano il lago sono infatti sardine, molluschi e pesci simili al nostro Persico.

Il Lago Natron è un lago salino posizionato al confine keniota con la Tanzania, nella Rift Valley africana a circa 600 metri di altitudine; nei pressi della sua riva sudorientale si trova il vulcano Gelai. Il lago che raggiunge a malapena i tre metri di profondità, varia in ampiezza a seconda del livello di riempimento del proprio invaso.
Il lago è famoso per ospitare dei batteri che rilasciano una colorazione che a suo modo pigmenta di arancio le proprie lucenti acque. Oltre a questi batteri, l'unico essere vivente che può sopravvivere presso le sue acque è il fenicottero, grazie ad uno strato protettivo corneo su zampe e becco: difatti l'acqua di questo lago è non solo imbevibile, ma estremamente caustica anche per la pelle.

Il Lago Malawi o Lago Niassa è il terzo lago più grande dell'Africa e il nono più grande del mondo. È il più a sud fra i laghi della Grande Rift Valley. Lungo 560 km e con una larghezza massima di 75 km costituisce gran parte del confine fra Malawi e Mozambico, e in parte tocca la Tanzania. Grazie ad una profondità massima di 700 m è considerato uno dei laghi più profondi al mondo. Vi sfociano numerosi canali e fiumi; fra i corsi d'acqua alimentati il principale è lo Shire, affluente dello Zambesi. Nel 1980, la parte meridionale del lago, attorno a Monkey Bay, è diventata un parco naturale (Parco nazionale del Lago Malawi), dichiarato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1984.
In epoca coloniale, il lago venne soprannominato "lago-calendario" a causa del fatto singolare che la sua lunghezza in miglia (365) coincide col numero dei giorni dell'anno del calendario gregoriano, e la sua larghezza in miglia (52) col numero delle settimane dell'anno.
Il Malawi ospita almeno 500 specie di pesci endemiche di ciclidi; si tratta di pesci estremamente variopinti e molto apprezzati per gli acquari. I pesci commestibili, i più rinomati sono i "chambo", costituiscono un'importante risorsa per la popolazione locale (in gran parte dedita alla pesca).
Fra le altre specie animali presenti nel lago si possono citare i coccodrilli e una vasta popolazione di aquile pescatrici.
Le acque del lago sono infestate dalle larve del verme parassita che provoca l'insorgere della schistosomiasi. Ogni anno circa 5.000 turisti contraggono questa malattia dopo essere venuti in contatto con le acque di questo lago.

 

Qui trovate l'elenco dei laghi caratterizzati da paesaggi molto diversi tra loro e che spero possano affascinarvi.

           Laghi del Kenya       

 

Lago Vittoria

Lago Turkana

Lago Nakuru

Lago Bogoria

Lago Baringo

Lago Naivasha

Lago Jipe

Lago Elmentaita

Lago Magadi