Translator
Translator

Wasini Island


Wasini Island Kenya
Wasini Island Kenya
Wasini Kenya, l'isola di corallo
Wasini Kenya, l'isola di corallo

 

Wasini, l'isola di corallo

 

L'isola di Wasini si trova nel sud-est del Kenya, 3 km al largo della costa dell'Oceano Indiano, 75 km a sud di Mombasa e 3 km di fronte al porto del villaggio Shimoni.

L'isola, una piccola striscia di terra e sabbia è lunga circa 7 km e larga circa 2 km.

Wasini ha solo sentieri di corallo antico tagliente o sabbia. Non ci sono strade e, tantomeno, autocarri, automobili o biciclette. I trasporti vengono effettuati in barca, a piedi con una carriola sui sentieri o attraverso le spiagge, prevalentemente costituite da coralli e percorribili solo con la bassa marea.

Nel tempo coloniale britannico è stata usata come pista di atterraggio della laguna situata longitudinale a sud dell'isola; solo piccole strisce di asfalto ricordano questi tempi.

 

L'isola ha una popolazione di circa 3.000 persone che abitano sulla costa nord nei due villaggi di Wasini e Mwkiro, rispettivamente a ovest e sul lato est dell'isola, e nell'entroterra nella frazione di Nyuma Maji, che in lingua Swahili significa "dietro l'acqua".

L'isola corallina di Wasini è uno dei siti in cui si svilupparono le prime civiltà swahili e oggi è occupata dal popolo, che conserva antiche tradizioni. Nei villaggi di Wasini e Nyuma Maji vive un gruppo indigeno di lingua bantu, i Vumba, la cui lingua madre è il dialetto Swahili kivumba; in Mwkiro vivono i Digo che hanno come propria madrelingua il dialetto Swahili kidigo. Ambedue parlano swahili e talvolta inglese. I Vumba sono di origine araba e possono essere un po' mescolati con i cinesi. Gli arabi giunti alla costa orientale africana nel 1° secolo dC. e dopo la miscelazione con il popolo bantu formarono il "Popolo della Costa o Popolo Swahili". I Digo probabilmente sono venuti dal Golfo Persico nel secolo 15° dC. Tra l'isola di Wasini e le isole della Tanzania Pemba e Zanzibar, a sud-est nell'Oceano Indiano, sussistono forti legami culturali e legami familiari. La popolazione è di circa il 99% musulmana.

 

Il turismo è la principale fonte di reddito, poi viene la pesca. L'elevato livello di povertà è notevolmente diminuito negli ultimi 30 anni per effetto del turismo basato sul Parco Nazionale Marino di Kisite-Mpunguti. Qui i turisti effettuano immersioni e praticano snorkeling tra i coralli intorno a Kisite, una piccola isola di sabbia che è completamente inondata durante l'alta marea. Questo parco ogni anno attira 80.000 stranieri (75%) e africani (25%). Purtroppo, dal 2013 c'è un calo del 50% nel numero di turisti stranieri, di cui il 75% sono provenienti dall'Europa, a causa della loro paura per Al-Shabaab e dal 2014 anche per il virus Ebola, anche se questo virus è stato mai riscontrato al di fuori dell'Africa Ovest e Congo. Nel villaggio di Wasini circa il 50% delle commercianti si affidano per il loro reddito al turismo, così il 75% della popolazione. In Mwkiro tale percentuale è rispettivamente del 12%, e 18%.

Parco Marino Kisite-Mpunguti Kenya
Parco Marino Kisite-Mpunguti Kenya

 

Il Parco Marino Kisite-Mpunguti è situato sulla costa meridionale del Kenya, vicino Shimoni e a sud di Wasini vicino al confine con la Tanzania.

Il Parco Kisite copre 11 chilometri quadrati, mentre la riserva Mpunguti copre 28 chilometri quadrati.

Il parco si estende su una superficie con quattro piccole isole circondate da barriere coralline, includendo un reef con oltre 40 tipologie di corallo documentate. La vita marina è abbondante: pesci balestra, murene, pesci angelo, pesci farfalla, cernie, pesci pappagallo, labridi, scorfani, pesci palla, pesci scorpione, castagnole, raggi, dentici, tartarughe marine verdi, tartarughe marine e delfini. Megattere e squali balena sono stagionali.
Nell'area di Kisite-Mpunguti si praticano snorkeling e immersioni, birdwatching o escursioni che risalgono il fiume Ramisi, mentre gli amanti della pesca non dovranno lasciarsi sfuggire una battuta sul canale di Pemba, uno dei migliori sport di tutta l'Africa per la pesca del barracuda e del kingfish.

Il Kenya Wildlife Service, abbreviazione KWS, sta monitorando il Parco Marino Kisite-Mpunguti e chiede una quota di iscrizione. Ma questi soldi non sono reimmessi all'interno della zona di raccolta, come verrebbe da auspicare; vengono invece rimessi al loro quartier generale a Nairobi. La maggior parte dei visitatori arriva con pacchetti prepagati ad organizzatori fuori dell'isola e al di fuori di Shimoni. Gli operatori più grandi sono stranieri. Molte di queste organizzazioni affermano falsamente di operare per un turismo responsabile ed turismo ecologico.

La verità sta nel fatto che il numero dei turisti generati nella zona nel corso degli anni non sono mai stati monitorati sia per l'impatto economico, che per quello ambientale o sociale.

La pesca, nel Canale di Pemba, tra Wasini e Pemba e nelle acque più calme tra l'isola e la terraferma, è la seconda fonte di reddito. La presenza di pescherecci con palangari in mare aperto, la pesca sportiva praticata nel Canale di Pemba, i pescatori locali che stanno sempre più utilizzando metodi di pesca distruttivi con gabbie di vimini ad imbuto in particolare per i crostacei nonché con piccole reti a circuizione e dinamite sugli scogli, hanno tutti avuto un impatto altamente negativo sul serbatoio di pesce.

 

Spesso megattere e delfini possono essere individuati nelle immediate vicinanze dell'isola. Vicino alla terraferma le megattere possono regolarmente essere viste nuotare in direzione nord. Sul lato orientale dell'isola, spesso i delfini giocano in acqua. Sulla stessa isola, praticando snorkeling sulla riva opposta del villaggio di Wasini, si possono osservare meravigliosi ambienti di fauna e flora corallina.

Il porto di Shimoni, a 3 km in diagonale attraverso il canale tra l'isola e la terraferma, è il punto di sosta per raggiungere l'isola di Wasini, e si trova circa 75 km a sud di Mombasa. Sono presenti strutture doganali per fornire servizi ai dhow commerciali e le persone provenienti dalla Tanzania ed in particolare dall'isola di Pemba, o da più lontano.

Due volte alla settimana c'è un servizio di trasporto passeggeri per Weyte a Pemba. A pagamento è possibile salire a bordo di dhow per raggiungere questi porti. In Mwkiro c'è un rudimentale orfanotrofio.

Shimoni Slave Caves Kenya
Shimoni Slave Caves Kenya

Le principali attrazioni dell'isola, oltre alle spiagge bianche e incontaminate, sono la passeggiata naturalistica ai giardini di corallo e le Slave Caves nel villaggio di Shimoni sulla terraferma, grotte coralline utilizzate per secoli dagli indigeni come kaya: santuari/nascondiglio usati per sfuggire agli attacchi di tribù dell'entroterra. In verità, le "Grotte degli schiavi di Shimoni" evocano il commercio degli schiavi in cui entrambi i paesi, Kenya e Tanganica (oggi Tanzania), a partire dal 1750, sono stati coinvolti.

Nelle grotte vivono i "pipistrelli della frutta" che fungono da ospiti del "virus del pipistrello di Shimoni", un lyssavirus che è stato scoperto in Kenya nel 2009 (Questo lyssavirus, diversamente da altri, non provoca la rabbia - malattia virale che può causare infiammazione acuta del cervello in esseri umani e altri animali a sangue caldo). Non sono stati segnalati casi di infezione umana fino ad oggi.

 

Clima:

Orientata latitudinalmente da ovest a est, l'isola di Wasini si trova a circa 500 km a sud dell'equatore nell'Oceano Indiano ed ogni anno è colpita dal vigore del monsone di nord-est Kaskazi, che porta le grandi piogge. Nell'altra metà dell'anno il monsone di sud-ovest Kusi porta le brevi piogge. Entrambi i monsoni sono stati nella storia la propulsione delle barche a vela, i dhows, il primo dal Golfo Persico, dall'India e dalle parti meridionali del Nord-Africa verso Wasini, e l'altro propulsione per il ritorno a casa.

 

Servizi:

L'isola non è adatta per pozzi come fonte di acqua dolce; l'acqua dolce proveniente da un pozzo dura solo una settimana. Sono stati costruiti sull'isola otto bacini di acqua piovana, che sono sufficienti per la domanda di acqua dolce; da lì dei portatori d'acqua la trasportano, con le loro carriole, alle case private.

La rete elettrica del Kenya non si estende sull'isola, non ci sono generatori elettrici pubblici, sempre più persone stanno installando pannelli solari di proprietà privata sui tetti per generare corrente elettrica.

Non esiste un sistema fognario pubblico. Fori profondi vengono aperti nella roccia corallina per la costruzione di fosse-latrine fino a raggiungere le acque sotterranee. Questi pozzi vengono "lavati" due volte al giorno dall'alta marea del mare. Data la breve distanza al mare, l'effluente grezzo si disperde nell'acqua con conseguente contaminazione fecale del mare vicino ai villaggi.

La spazzatura non viene raccolta pubblicamente. Quindi le persone stanno dando la loro spazzatura commestibile alle capre, mettendo i resti biodegradabili in fosse di compostaggio e bruciando gli avanzi non biodegradabili. Tuttavia, sulla costa alcune persone tendono a smaltire i resti non biodegradabili direttamente in mare, con conseguenti relitti galleggianti, soprattutto oggetti di plastica e gomma, ma anche tronchi di legno e rami.

La laguna nell'entroterra vicino Nyuma Maji nella parte meridionale dell'isola e le foreste di mangrovie nelle paludi intrappolano grandi quantità di relitti galleggianti.

Sulle distese fangose di sabbia nella parte occidentale cresce la "Costa Portulaca" o "Portulaca di Mare", in swahili chiamata mboga pwani, "l'ortaggio del riflusso o del declino", con il suo nome botanico ufficiale Sesuvium portulacastrum. Gli abitanti dell'isola cucinano questa "gustosa e sana verdura di mare" come parte dei loro piatti Swahili.

 

Salute:

C'è un'alta mortalità infantile sull'isola rispettoad altre parti del Kenya. Le principali malattie dei bambini sono la malaria, infezioni respiratorie e gastrointestinali, mentre molti adulti soffrono di diabete mellito, ipertensione e ulcera gastrica. I dispensari forniscono solo alcuni farmaci di base, e, se nelle loro possibilità, vaccinano i bambini.

Per le malattie più complesse e sofisticate cure mediche gli abitanti devono recarsi nelle cliniche private e statali presso la terraferma a Shimoni, Msambweni e Mombasa. Sulla terraferma possono raggiungere questi luoghi in matatu. Taxi ed auto privati, per lo più sono utilizzati dai turisti, per la gente del posto sono troppo costosi. Per brevi distanze possono essere affittati anche il taxi-moto e il piki-piki.

 

Sicurezza:

A causa della elevata sicurezza su questa isola scarsamente popolata, non c'è Polizia. Il Posto di Polizia più vicino è a Shimoni sulla terraferma: 15 min. in barca.

Kisite Beach
Kisite Beach