Translator
Translator

Monte Elgon


Monte Elgon Kenya
Monte Elgon Kenya
Monte Elgon Uganda
Monte Elgon Uganda

 

Il Monte Elgon è un vulcano ormai spento, al confine tra l'Uganda e il Kenya.

La montagna prende il nome dalla tribù Elgeyo, che un tempo viveva in enormi caverne sul lato sud della montagna.Era conosciuto come Ol Doinyo Ilgoon (Montagna del seno) da parte del Maasai e come Masaba sul lato ugandese dai Bamasaba.

Stimato in circa 15 milioni di anni fa, copre una superficie intorno a 3.500 kmq ed è il più antico e più grande vulcano solitario della Great Rift Valley e di tutta l'Africa orientale. Per milioni di anni, l'erosione ha ridotto la montagna, che probabilmente, una volta, sovrastava tutta l'Africa.

Fin dalla sua ultima eruzione di circa 2 milioni di anni fa, il vecchio vulcano è considerato dormiente, ma le terme all'interno della caldera ancora ricordano i periodi violenti del gigante addormentato.

Altre caratteristiche di rilievo sono:

- La caldera: Elgon è di una delle più grandi caldere intatte del mondo.

- Le sorgenti di acqua calda da parte del fiume Suam.

- Endebess Bluff (2.563 metri o 8.408 piedi), all'interno del Parco Nazionale Monte Elgon (Kenya) , è un belvedere popolare per apprezzare le bellezze naturali del parco e offre una vista panoramica sul paesaggio circostante.

- Le grotte Ngwarisha, Makingeny, Chepnyalil, e Kitum che, all’arrivo dei primi esploratori, erano ancora abitate dagli El Kony (una tribù locale) e che sono diventate luoghi di incontro per gli elefanti, che durante la notte si avventurano lungo i sentieri stretti, nelle profondità delle caverne, in cerca di depositi di sale contenuto nella roccia lavica. La grotta più lunga è Kitum, che significa “luogo delle cerimonie” e si estende in orizzontale per circa 200 metri nel cuore della montagna.

Questo Parco si estende lungo il versante orientale dell’antico vulcano eroso, caratterizzato da un immenso cratere di 8x6 km e contornato da 3 enormi picchi: la vetta più alta, il Wagagai di 4.321 m, si trova in territorio ugandese; il picco Sudek di 4.310 m ed infine la vetta Koitobos di 4.231 m. La cima principale è facilmente raggiungibile e non richiede alcuna speciale competenza alpinistica .

 

La montagna è il bacino di utenza per vari fiumi come il fiume Suam, che a valle diventa Turkwel e che drena nel Lago Turkana, il fiume Nzoia ed il fiume Lwakhakha che sfociano nel Lago Vittoria. La città di Kitale è ai piedi della montagna. L'area intorno alla montagna è protetta da due Parchi Nazionali, uno su ciascun lato del confine internazionale. Alcune piante rare si trovano sulla montagna, tra cui Ardisiandra wettsteinii, Carduus afromontanus, Echinops hoehnelii, Ranunculus keniensis, e Romulea keniensis.

Nel Parco è presente una fauna molto ricca formata da elefanti, bufali, leopardi, colobi, antilopi, impala e circa 240 specie di volatili.

Il suo terreno montagnoso rosso laterite, introduce una varietà di paesaggio regionale altrimenti monotono. Le sue altezze offrono refrigerio per gli esseri umani delle calde pianure sottostanti, e le sue quote più elevate offrono un rifugio per flora e fauna.

Etnie locali: il Monte Elgon ed i suoi affluenti sono la patria di quattro tribù, i Bagisu, i Sapiiny, i Shana (Uganda) e gli Ogiek (Kenya), meglio conosciuti nella regione sotto il termine dispregiativo Ndorobo o Dorobo. I Bagisu, Sapiiny e Shana sono agricoltori di sussistenza e praticano la circoncisione per avviare i giovani (e nel caso dei Sapiiny, le ragazze) all'età adulta. Tradizionalmente, i Bagisu - conosciuti anche come Bamasaba - considerano il Monte Elgon l'incarnazione del loro padre fondatore Masaba, e talvolta chiamano la montagna con questo nome. I Sapiiny considerano la montagna anche come la casa del loro antenato Musobo. Tutta la vita e i mezzi di sussistenza realmente dipendono dalla foresta di montagna. Le genti del posto hanno a lungo dipeso dai prodotti della foresta, ma in questi ultimi anni, i funzionari del parco hanno completamente vietato l'ingresso al parco per le risorse di raccolta, come canne di bambù e germogli di bambù (una prelibatezza locale). Gli Ogiek, tradizionalmente cacciatori e raccoglitori di miele, sono diventati più sedentari negli ultimi decenni, e sono stati parzialmente spostati verso valle dal governo keniota.

Oggi alle pendici del monte si trovano estese coltivazioni di caffè, naturalmente sul versante ugandese.

 

Curiosità:

In Uganda, il regime autoritario e corrotto di Idi Amin ha perseguitato la gente indiscriminatamente con la creazione di una cultura della paura dove non ci si poteva fidare del prossimo. In questo ambiente, la sfiducia cresceva sempre più. Nella regione del Monte Elgon, patria di quattro tribù, i Bagisu, i Sapiiny, i Shana e gli Ogiek, si combatteva una guerra multireligiosa tra cristiani, musulmani e un piccolo gruppo di Bagwere, agricoltori ebrei chiamati Abayudaya.

Sotto Idi Amin era illegale essere ebrei in Uganda e gli Abayudaya soffrirono molto fino a scendere al di sotto di 500 persone. La diffidenza creò un ciclo di violenza e povertà, in modo che la regione subì una stagnazione economica ed il commercio non praticabile.

Poi, nei primi anni del 2000, JJ Keki, un leader della comunità Abayudaya, che aveva perso molti dei suoi dieci fratelli nei combattimenti, ebbe un'idea. La maggior parte delle popolazioni del Monte Elgon erano contadini ed i piccoli appezzamenti come la continua instabilità non davano modo di produrre in modo sufficiente, pur vivendo in una delle zone più fertili e lussureggianti dell'Africa!

La Coffea Arabica, o pianta del caffè, ormai cresceva naturalmente e abbondantemente in questa regione, poiché antiche varietà etiopi erano state portate al Monte Elgon da più di 200 anni da parte dei commercianti.

JJ Keki andò dai leaders delle comunità cristiane e musulmane proponendo un'idea radicale: una cooperativa di caffè.

Nel 2004, nacque la Mirembe Kawomera Cooperative (Cooperativa Deliziosa Pace) composta da agricoltori interreligiosi ebrei, musulmani e cristiani dedicati al superamento del conflitto generazionale e della povertà. Da allora sono passati da 534 a oltre 2.000 agricoltori e sono in continua espansione. Hanno usato il loro riscontrato successo per reinvestire continuamente nelle loro comunità e nelle imprese, praticando l'agricoltura biologica certificata, espandendosi nella produzione di cacao e vaniglia e nella costruzione di magazzini, uffici e sedi centrali di elaborazione.

La Pace Kawomera Cooperativa Agricoltori oggi si mostra orgogliosa della capacità di coesistenza tra agricoltori: "Eravamo abituati a temere i nostri vicini, chiunque poteva ucciderti se lasciavi la tua casa ... ora, noi chiamiamo l'un l'altro fratello e gli agricoltori ebrei, musulmani e cristiani lavorano, imparano e mangiano insieme tutti i giorni!"

Chissà, forse un giorno tutto questo potrà avvenire anche in Kenya.