Translator
Translator

Grotta Kitum dove la morte dorme


Mt. Elgon National Reseve
Mt. Elgon National Reseve
Grotta Kitum - Monte Elgon
Grotta Kitum - Monte Elgon

 

La grotta Kitum, dove la morte dorme.

Kitum è il nome di una grotta che si trova sul Monte Elgon e si immette per 200 metri all'interno della montagna, un vulcano spento quasi al confine tra Kenya e Uganda.

Questa grotta era nota in tutto il mondo a causa di accadimenti avversi: persone che sono entrate sono morte a causa di una malattia emorragica terribile, probabilmente correlata a Ebola e al virus Marburg.

Si garantisce che questa grotta è un serbatoio naturale di questi virus.

La Riserva Nazionale del Monte Elgon, un vulcano spento 4321 m di altitudine, ai limiti della Great Rift Valley ed al confine tra l'Uganda e il Kenya, ha come attrazione principale una serie di quattro grotte: Kitum Makingeni, Chepnyalil e Ngwarisha, accessibili ai turisti.

Kitum la misteriosa grotta sul fianco orientale del Monte Elgon, è la più profonda e si estende in senso orizzontale per 200 metri nel cuore della montagna. Nella lingua Masai, il suo nome significa "luogo di cerimonie".

Queste grotte sono un luogo di riunione preferito dagli elefanti. La leggenda narra che queste caverne sono cimiteri dove gli elefanti si riuniscono a morire. La verità è che, come Kitum, le grotte sono costituite da molle cenere vulcanica ed altre rocce, ed ogni sera, grandi gruppi di elefanti amano avventurarsi nelle profondità nella grotta per nutrirsi dei ricchi giacimenti di sale. Per questo fenomeno notturno hanno guadagnato il nome di "elefanti sotterranei".

A queste "riunioni" partecipano anche bufali, scimmie e altri animali per leccare le pareti di sale della grotta. Il sale è essenziale nella dieta degli animali e la cava di Kitum è uno dei pochi posti al Monte Elgon, dove si possono riunire. Un'altra leggenda dice che la grotta è stata scavata per centinaia di migliaia di anni da elefanti usando le loro zanne per estrarre il sale (speleogenesi elefantiaco).Nella grotta vi è anche un profondo crepaccio, in cui giovani elefanti sono caduti e sono morti.

Ebola e il virus chiamato Marburg sono recentemente emersi sotto forma di epidemie periodiche. Una teoria dice che il virus Ebola si rifugia nella grotta Kitum. È possibile che in questa grotta dimorino, portatori del virus Ebola attraverso il loro guano (il virus può essere propagato anche attraverso l'inalazione di guano in polvere). La grotta di Kitum è stata considerata come la possibile origine di Ebola, perché due persone nel 1980 hanno contratto virus di Marburg dopo aver visitato la grotta e nel 1987 un ragazzo danese di 15 anni si è ammalato ed è morto.

Un altro motivo che fa sospettare che i pipistrelli siano vettori del virus, è che una fabbrica piena di pipistrelli in Sudan sembra essere stata la fonte di focolai di Ebola nel 1976 e nel 1979. Richard Preston ha scritto un libro intitolato "Hot Zone" ("The Hot Zone"), in cui menziona l'epidemia del virus di Marburg in Germania causato dalla importazione di scimmie africane e focolai di Ebola in Congo, Sudan e Reston (Virginia U.S). Né la letteratura scientifica, né la stampa, né Richard Preston hanno mai menzionato il nome della società importatrice, Litton Bionetics, fornitore leader di scimmie alle US Army.

In Africa vengono identificati come una specie di vampiri, o come spiriti del male, coloro che soffrono di questa malattia.

In un primo momento, si pensava che fossero posseduti da convulsioni dovute a febbre alta e vomito di sangue.

Inoltre, gli uomini infettati con Ebola, secondo leggende popolari, potrebbero trasformarsi in scimmie, orango, scimpanzé e perfino pipistrelli. E oggi, sembra che un ultimo "focolaio" venga da uno sciamano, scrive la rivista "Science". A quanto pare, uno sciamano aveva cercato di curare un bambino di due anni che soffriva di Ebola e che nessuno conosceva. Lo sciamano fece diversi rituali attraverso il sangue e fu così che avvenne il contagio. Inoltre, al funerale c'erano 14 donne addette alla pulizia del corpo che a loro volta si sono infettate diffondendo così la malattia.

Quando la grotta Kitum è stata scoperta in Kenya, si è pensato che i graffi e i solchi lasciati sulle pareti fossero il frutto del lavoro degli antichi egizi in cerca di oro o diamanti. Ma non era così, no. La formazione della grotta ha una origine molto più strana.